N° 1, settembre 2018

Prendiamo Parola!

pubblicato il
25 settembre 2018

“Prendiamo Parola” è un movimento di opinione al femminile di cui sabato scorso 22 settembre si è svolta a Palermo la prima delle assemblee.

Qui il servizio della RAI: https://www.rainews.it/tgr/sicilia/notiziari/index.html?/tgr/video/2018/09/ContentItem-91f7394a-9ba3-4ddc-ba86-986e0275c85c.html .

L’appello che trovate in calce a questo articolo è stato firmato da centinaia di donne, lavoratrici, intellettuali, cittadine.

Buonisti.it ha trovato convincente l’iniziativa e ha aderito volentieri, portando l’esperienza di questi nostri primi due mesi di vita e, naturalmente la nostra solidarietà e disponibilità a fare rete per il perseguimento degli obbiettivi comuni.

Ringraziamo Evelina Santangelo, una “buonista” e una firmataria, per aver fatto da trait d’union tra le nostre due realtà, e naturalmente tutte le organizzatrici di Prendiamo Parola ed i/le partecipanti all’assemblea.

Ecco un breve estratto del mio intervento:

Ed ecco l’appello di Prendiamo Parola:

Oggi più che mai sentiamo il bisogno di parlare, esprimere i nostri sentimenti, comunicare i nostri pensieri e le nostre visioni di donne, lavoratrici, madri, militanti come già accaduto nella Storia e in questo nostro tempo. Siamo molte in Sicilia le donne attive, ascoltate ed autorevoli nel rispettivi campi. E’ il momento di farci sentire contro i rischi, sempre più evidenti, di regressione e imbarbarimento Abbiamo vite, condizioni ed attività sociali dissimili, ma ci unisce la preoccupazione per il futuro del nostro Paese e dell’Europa – ai cui valori fondativi ci ispiriamo -, e per le sorti del mondo che esigono una visione globale, l’idea di esser tutte/i parte di un destino comune.

PRENDIAMO PAROLA

PER AFFERMARE, CON ASSOLUTA INDIPENDENZA
, nel quadro politico confuso, e per molti aspetti pericoloso, che stiamo vivendo (in Italia e in Europa), alcuni principi, che oggi sentiamo a rischio.

I DIRITTI E LA LIBERTA’ PER CUI LE DONNE HANNO COMBATTUTO E CONTINUANO A COMBATTERE SONO DIRITTI DI TUTTE/I
, non possono né devono essere messi in dubbio e limitati, ma crescere ed estendersi per rendere migliore il Paese. Le discriminazioni in base al genere, all’orientamento sessuale ed all’appartenenzaetnica vanno contrastate ovunque si annidino.

L’ACCOGLIENZA E L’OPERA DI INCLUSIONE DEI MIGRANTI NON VA INTERROTTA, MA PROSEGUITA E RAFFORZATA
, combattendo ogni forma di sfruttamento e speculazione e pretendendo la fattiva solidarietà della Comunità Europea.

LA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA VA DIFESA ED ESTESA
, secondo i principi della Costituzione, contrastando assenteismo e astensionismo, denunciando ogni censura, moltiplicando le occasioni e gli ambiti in cui possano esprimersi e contare le cittadine e i cittadini.

UMANIZZIAMO LA POLITICA
: violenza, brutalità e volgarità da tempo imperversano nel dibattito pubblico, nel linguaggio politico e nelle azioni, infettando il tessuto sociale e culturale. Dinanzi al degrado sociale, culturale etico che minaccia sempre la collettività, creiamo e favoriamo il consolidarsi di comunità libere, capaci di dialogo e rispettose delle differenze, comunità che già esistono oltretutto nel nostro Paese e che una narrazione martellante di una sola parte vuole ridurre al silenzio e all’irrilevanza.
TAG

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Partigiani del pensiero positivo

Le parole ci definiscono agli occhi degli altri, descrivono ciò che siamo ma soprattutto tagliano via ciò che non siamo o non si presume che siamo, ci delimitano imprigionandoci dentro un tracciato, sia quando le abbiamo scelte noi che quando sono imposte da altri. Per questo rivendichiamo la parola “buonisti” e ne facciamo non un recinto ma una base aperta da dove e sulla quale può partire e svilupparsi un discorso e un confronto rivolto a chiunque, ma fondato sulla tolleranza e sul rispetto universali.

Cerca per contenuto
Iscriviti